Metodo, Aree di Intervento e Costi

Come Lavoriamo?

L' Approccio

La mia concezione della persona fa riferimento al modello sistemico-relazionale, l’uomo si pone al centro di una fitta di trama di relazioni con le persone che lo circondano, in primis con i membri della propria famiglia d’origine. Essa costituisce il primo ambiente sociale in cui, tutti noi, abbiamo imparato a confrontarci con l’altro e da cui abbiamo tratto quelle modalità interattive che caratterizzano la nostra identità e la nostra capacità di porci nei rapporti interpersonali.

Osservando e riflettendo sulle dinamiche familiari pregresse si possono trarre importanti indicazioni sul disagio che porta il paziente a chiedere aiuto e, al tempo stesso, tali indicazioni suggeriscono la strategia che ci permette di condurre ciascuna persona a giungere al proprio traguardo.

Il Percorso

Il percorso terapeutico prevede un primo incontro conoscitivo che abbia la finalità di illustrare il metodo di lavoro e dare uno sguardo preliminare al disagio di cui è portatrice la persona. Seguirà il vero e proprio percorso di supporto che, all’inizio, si focalizzerà maggiormente sul recupero di informazioni utili per il proseguio e sull’individuazione degli obiettivi terapeutici che dovranno essere perseguiti di seduta in seduta, in modo da restituire al paziente un nuovo equilibrio.

Aree di Intervento

Disturbi Psicologici

Capire la sintomatologia e individuare la giusta strategia per farvi fronte.

Coppia e Famiglia

Analizzare insieme gli equilibri esistenti per lavorare insieme sulla relazione.

Clinica e sanitaria

Supporto per coloro che stanno affrontando un percorso di riabilitazione medico.

Sostegno scolastico

Individuare le strategie più efficaci per approntare un metodo di studio efficace.

Job training

Tecniche e simulazioni per affrontare al meglio il colloquio di lavoro.

Disturbi Psicologici

I più comuni disagi della psiche che oggi colpiscono le persone sono presenti in varia misura in ciascuno di noi. Ognuno di noi ha una componente di ansia e depressione, ognuno ha le sue manie e le sue paranoie. Quando tuttavia queste componenti diventano negative? Esiste un punto di non ritorno in cui queste componenti psicologiche, con le quali si convive inconsapevolmente, diventano tossiche e condizionano fortemente la nostra serenità quotidiana. Spetta a noi comprendere che, ad un certo punto, non siamo più sereni e interrogarci se al nostro interno qualcosa si sia sbilanciato. Quando la patologia è fisica, la diagnosi è più facile: dolori fisici e vari malfunzionamenti del nostro corpo sono un chiaro campanello d’allarme, spesso basta infatti un’analisi attenta dei valori all’esame del sangue o di una lastra radiografica per accertarsi scientificamente e rapidamente se ci sia qualcosa che non sta andando nel verso giusto. Con i problemi psicologici è diverso, essere consapevoli del proprio star male è più complesso perché ammettere di avere un problema psicologico spaventa di più.

Coppia e famiglia

A seguito di un intervento chirurgico importante il paziente in fase di riabilitazione dovrà pian piano adeguarsi ad un nuovo stile di vita, con regole e ritmi spesso molto differenti da quelli a cui era prima abituato; tale situazione è molto delicata perché vi è un alto rischio di insorgenza di stress, e, considerato il fatto che il paziente si trova in una fase della vita in cui l’ultima cosa di cui ha bisogno è proprio una condizione di tensione, diviene importante il supporto psicologico sia per il degente che per chi lo accudisce, i parenti, a loro volta coinvolti in una serie di cambiamenti non preventivati dello stile di vita e a cui non sempre è facile adeguarsi velocemente.

Altra importante area afferente alla clinica sanitaria riguarda la geriatria e la necessità di sostenere la “testa” e l’umore dei nostri anziani nell’ultima parte della loro vita affinché riescano a definire eventuali sospesi e ad abituarsi ai lenti, ma inesorabili, cambiamenti del proprio corpo. Per i familiari invece, il supporto si traduce spesso nel dar nuovo significato alla vecchiaia dei propri genitori e nonni, nel trovare le giuste strategie per relazionarsi con loro e nel fornire loro la giusta “palestra” per poter superare i momenti complicati che derivano dalla relazione con un persona anziana.

Clinica e sanitaria

A seguito di un intervento chirurgico importante il paziente in recupero dovrà pian piano adeguarsi ad un nuovo stile di vita, con nuove regole e ritmi spesso molto differenti da quelli a cui era prima abituato; tale situazione è molto delicata perché il rischio di generare stress è alto, e, considerato il fatto che il paziente si trova in una fase della vita in cui l’ultima cosa di cui ha bisogno è proprio una condizione di stress, diviene importante il supporto psicologico sia per il degente che per chi lo accudisce, i parenti, a loro volta coinvolti in una serie di cambiamenti dello stile di vita non preventivati e a cui non sempre è facile adeguarsi.

Altra importante area afferente alla clinica sanitaria riguarda la geriatria e la necessità di sostenere la “testa” e l’umore dei nostri anziani nell’ultima parte della loro vita affinché riescano a definire eventuali sospesi e ad abituarsi ai lenti, ma inesorabili, cambiamenti del proprio corpo. Per i familiari invece, il supporto si traduce spesso nel dar nuovo significato alla vecchiaia dei propri genitori e nonni, nel trovare le giuste strategie per relazionarsi con loro e nel fornire la giusta “palestra” per poter superare i momenti complicati che derivano dalla relazione con un persona anziana.

Sostegno scolastico

Oggi la scuola e le nuove tecnologie hanno modificato notevolmente il modo con cui i ragazzi e gli insegnanti si approcciano tra loro, non sempre i ragazzi riescono a tenere il ritmo dei programmi scolastici e a comprendere pienamente gli argomenti trattati, lascandosi spesso alle spalle delle lacune che avranno ripercussione sui cicli scolastici successivi.

Una mirata azione di sostegno e supporto scolastico con tecniche d’apprendimento specifiche permetterà agli studenti di imparare più velocemente e meglio. Tale vantaggio risulta decisivo nel caso in cui ci sia la diagnosi di un Disturbo dell’Apprendimento (DSA) o dei cosidetti Bisogni Educativi Speciali (BES).

Oggi più che mai ogni ragazzo ha, prima di tutto, bisogno di acquisire un metodo di studio snello ed efficace che possa permettergli di raggiungere un’autonomia organizzativa nello studio che sarà anche la base di quei processi di autonomizzazione e indipendenza che lo porteranno a diventare adulto.

Job training

Affrontare il colloquio di lavoro in maniera vincente per riuscire a colpire il selezionatore è importantissimo in un mondo del lavoro in cui i processi di selezione del personale mirano, nelle fasi iniziali, a sfoltire il più possibile il grande numero di candidati ad una singola offerta.

Imparare a costruire un buon CV, capace di riassumere in poche righe la propria esperienza professionale e la qualità personale del candidato è il primo passo per farsi notare e superare le prime selezioni. La capacità di sostenere il colloquio vero e proprio mettendo in massimo risalto le proprie competenze con una buona capacità di intrattenimento e di marketing personale permetterà di mettere in difficoltà il selezionatore per la scelta finale.

Tempi e Costi

Le tempistiche d’intervento dipendono innanzi tutto dal tipo di prestazione richiesta, e in secondo luogo dal disagio che la persona porta e dalle risorse di cui dispone per cominciare a farvi fronte. La stima temporale nel lavoro psicologico non è di facile previsione in quanto sono molteplici le variabili intervenienti nel percorso.

I costi sono coerenti con il tariffario prestabilito dall’Ordine degli Psicologi Nazionale.

logo psicologo bergamo matteo baruffi